Emigrazione Notizie
  Notizie     
 

Iscritti
 Utenti: 713
Ultimo iscritto : agustinaventura
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 84
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

italiani all'estero
FILEF
I Film documentari


Radio e TV


Fiei


Premio Conti IX°
Premio Conti 9 Edizione


# - Siti di informazione
Global Research (IT)
SELVAS.ORG (IT)
SBILANCIAMOCI (IT)
SINISTRA in RETE (IT)
Global project (IT)
CARTA MAIOR - Brasile (IT)
SUR Argentino (IT)
Il Fatto Quotidiano (IT)
PRENSA DE FRENTE (IT)
Forum Palestina (IT)
INFO PALESTINA (IT)
LAVOCE.INFO (IT)
RADIO ARTICOLO1 (IT)
F I L E F (IT)
Fondazione L O G O S (IT)
REDATTORE SOCIALE (IT)
GUSH-SHALOM (IT)
F I E I - Notizie (IT)
TELESUR Americalatina (IT)
ARCOIRIS TV (IT)
ARTICOLO 21 (IT)
RADIO POPOLARE (IT)
LA REPUBBLICA (IT)
CORRIERE DELLA SERA (IT)
LA STAMPA (IT)
L'UNITA' (IT)
IL MANIFESTO (IT)
IL MESSAGGERO (IT)
L' AVVENIRE (IT)
L'ESPRESSO (IT)
ANSA (IT)
MEGACHIP (IT)
EMERGENCY (IT)
AMNESTY (IT)
ALL AFRICA (IT)
LIMES (IT)
MANITESE (IT)
NIGRIZIA (IT)
UNIMONDO (IT)
PEACELINK (IT)

Social


Tours e Corsi
FilefTour
corsi di italiano


Eventi
<
Luglio
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --

Questa settimana

 
Il ritorno degli emigranti italiani in Germania
- Inserito il 16 agosto 2012 alle 12:46:00 da redazione-IT. IT - ITALIANI ALL'ESTERO

di Giorgio Fauneri

Nel dubbio sulle sorti dell’euro, Berlino si prepara al flusso di immigrati dai Paesi europei in crisi. Del resto come nelle grandi depressioni del passato, anche in quella attuale si sta registrando un importante flusso di lavoratori che si spostano dai Paesi maggiormente colpiti verso quelli che stanno resistendo meglio alle difficoltà. In Germania il fenomeno ha assunto dimensioni tali da attirare l’attenzione dell’Agenzia federale per il Lavoro, l’equivalente dei nostri centri per l’impiego (l’ex ufficio di collocamento).

L’agenzia tedesca ha infatti realizzato uno studio basato sui dati raccolti a tutto maggio 2012 ed è giunta alla conclusione che in dodici mesi il numero di cittadini italiani, greci, spagnoli e portoghesi che lavorano in Germania è cresciuto del 6,5% a 452mila unità.

Non poco se si pensa che nello stesso periodo il mercato del lavoro tedesco è complessivamente cresciuto soltanto dell’1,6 per cento. Nel dettaglio il numero degli italiani che lavorano in Germania è cresciuto del 4,2%, quello degli spagnoli dell’11,5%, quello dei greci del 9,8% e quello dei portoghesi del 5,9 per cento. E alla fine del mese di maggio erano ben 232.800 i nostri concittadini italiani impiegati in Germania, contro i 117.700 greci, i 55.600 portoghesi e i 46.000 spagnoli. L’agenzia del lavoro tedesco specifica che non è in grado di stabilire quanti cittadini di Italia, Spagna, Grecia e Portogallo si trovassero già nel Paese da lungo tempo e quanti invece siano arrivati di recente a causa della crisi ma scrive anche che “è plausibile supporre che la crescita del loro numero sia dovuta proprio alla crisi esplosa negli ultimi anni”.

I numeri, in ogni caso, rispecchiano in qualche modo la gravità della crisi nei mercati domestici. E se dall’Italia hanno iniziato a scappare anche gli immigrati, il balzo maggiore è stato fatto registrare dalla Spagna che, non a caso, ha una lunghissima tradizione di disoccupazione giovanile. In base a quanto reso noto da Eurostat, l’ufficio di statistica europeo, a giugno i giovani spagnoli senza un impiego erano più della metà del totale (52,7%); in Grecia, dove la situazione è precipitata negli ultimi anni, la situazione non è molto diversa: il 52,8% degli under 25 non trova un impiego. Il dettaglio più drammatico del dato greco è che negli ultimi dodici mesi si è assistito a una crescita di ben nove punti percentuali. In Italia la disoccupazione giovanile è a livelli decisamente più bassi (anche se non meno preoccupanti): 36,2 per cento. Per tutti questi Paesi il confronto con la Germania assume toni drammatici: a fine giugno erano circa 350.000 i giovani tedeschi tra i 15 e i 24 anni senza lavoro, il 7,9 per cento.

L’affermazione più stupefacente di tutto lo studio dell’agenzia del lavoro è però quella in cui si dice che la Germania “potrebbe ricavare grossi benefici da questa crisi dei Paesi del Sud Europa”. Berlino cerca da tempo di attirare forze lavoro altamente qualificate e la situazione è propizia. La scorsa primavera il cancelliere Angela Merkel era andata a Madrid per incontrare l’ex premier spagnolo José Luis Zapatero e aveva detto che in Germania c’erano 100mila posizioni aperte per ingegneri. Le sue parole devono essere giunte alle orecchie anche di molti giovani italiani.



(da Il Fatto Quotidiano)

Visualizzazioni : 4915 | Torna indietro

 

GOOGLE Adv


filef.info


e-book
Memories of a person of interest - di Carmen Lavezzari
Le nuove generazioni nei nuovi spazi e tempi delle migrazioni - a cura di Francesco Calvanese
2012, Fuga dall'Italia - Speciale di Cambiailmondo
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
L'Altro siamo noi - di William Anselmi
Razzismo Democratico - di Salvatore Palidda
Agenti-4
Cartas
aigues-mortes
narrazioni-migranti
ebook-10_anni_di_migrazioni


 
 © FILEF
Iscriviti Cancellati

Archivio notizie

 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4
Questa pagina è stata eseguita in 6,201172E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile